Come il Signore vi ha perdonati

Quando una persona si rende colpevole verso un’altra, c’è qualcosa che si spezza.

La fiducia viene calpestata e la comunione interrotta e a volte distrutta.

La nostra società è malata e soffre sempre di più a causa delle relazioni interrotte e dell’inconciliabilità di tante persone. È chiaro che molte rotture avvengono a causa di colpe non ammesse e di situazioni non chiarite, lasciando pesi nelle persone che causano sofferenza che può arrivare alla depressione a malattie psichiche o anche fisiche. Sono ben conosciute le malattie psicosomatiche, cioè malattie che si insinuano nel corpo a causa di pensieri errati che si radicano nel cervello mandando in tilt a volte i nervi a volte il sistema immunitario o altro.

La parola dice in proverbi che uno spirito abbattuto fiacca le ossa.

Quello che succede nelle nostre menti può influenzare in modo molto negativo la nostra stessa esistenza.

La mancanza di perdono o i sensi di colpa frenano o addirittura bloccano ogni attività della nostra vita spirituale, abbattendo il nostro spirito e tutto il corpo ne risente.

Perché è così difficile perdonare? Perché non ci si riesce a sbarazzare dei sensi di colpa?

Tante volte ci si mette a discutere per risolvere il problema ed entra in gioco il problema di chi ha ragione, vi dico un segreto, giocata su questo campo troppo spesso entrambe le squadre perdono.

Un vero cristiano ha compreso di avere la necessità non solo di essere perdonato ma anche di perdonare, perché il senso di colpa distrugge tanto quanto lo fa la mancanza di perdono verso gli altri.

Il Signore ha pagato sulla croce per i nostri sbagli, tutti abbiamo peccato, non c’è nessun giusto e questo dovrebbe farci vedere non solo le mancanze degli altri ma in principal modo le nostre.

Quando entreremo nel regno di Dio e ci verrà chiesto perché dovrei farti entrare cosa risponderemo?

La nostra risposta rivelerà in cosa noi abbiamo avuto fiducia ….

Perché mi sono sempre sforzato di essere un buon cristiano non basterà: Dio ti mostrerebbe con poca difficoltà tutti i tuoi fallimenti.

Se dicessi perché credo nella bontà e nell’amore del padre celeste, Dio ti farebbe vedere chiaramente che la sua giustizia e la sua santità non sono conciliabili ne compatibili con il tuo peccato.

Solo chi ha compreso la grazia del perdono di Dio in Cristo Gesù risponderà “non ho nulla da presentare per cui tu possa permettermi di entrare, considera soltanto l’opera di tuo figlio dietro la quale mi rifugio e in cui confido sulla base delle sue promesse di perdono”.

Chi ha accettato per se il perdono assolutamente immeritato e si fida delle sue promesse non può dimenticare queste cose di fronte ad un qualsiasi torto subito, vorrà perdonare anche gli altri sulla base dell’insegnamento biblico e dall’esempio di Cristo.

Siate invece benevoli e misericordiosi gli uni verso gli altri, perdonandovi a vicenda come anche Dio vi ha perdonati in Cristo. Efesini 4:32

Benevoli, interessati al benessere altrui senza secondi fini e desiderosi di porgere aiuto anche a costo di un grande sacrificio personale.

Misericordiosi, premurosi disposti a farsi carico delle preoccupazioni altrui.

Perdonandovi, pronti a scusare le offese e a ristabilire la pace dimenticando i torti subiti e abbandonando il desiderio di vendetta.

Noi siamo indegni destinatari del perdono di Dio.

Una volta che abbiamo compreso come Dio ci ha perdonati , possiamo imparare a praticare il perdono seguendo l’esempio perfetto che ci viene fornito da lui.

Sopportatevi gli uni gli altri e perdonatevi a vicenda, se uno ha di che dolersi di un altro. Come il Signore vi ha perdonati, così fate anche voi. 14 Al di sopra di tutte queste cose rivestitevi dell’amore che è il vincolo della perfezione. 15 E la pace di Cristo, alla quale siete stati chiamati per essere un solo corpo, regni nei vostri cuori; e siate riconoscenti. Colossesi 3:13

Sopportatevi, datevi supporto con il perdono.

Cari fratelli tutti possiamo dolerci di un altro, perché non siamo in grado di soddisfare le richieste di coloro che si aspettano qualcosa da noi, lo possiamo fare innumerevoli volte ma poi deluderemo qualcuno e questo capita a tutti.

Nel momento in cui qualcuno mi fa un torto, io dovrei perdonarlo, solo in quel momento la mia anima è libera.

Non fa alcuna differenza se colui che mi ha ferito si pente, chiede il mio perdono o non lo fa affatto.

Chi ha fatto il torto deve affrontare il giudizio di Dio con il torto che ha commesso ma questo è un affare tra lui e Dio. Piuttosto devo aiutarlo a comprendere la mia ferita, perché molto spesso le persone che ci feriscono sono quelle che amiamo di più.

Quando vi mettete a pregare, se avete qualcosa contro qualcuno, perdonate; affinché il Padre vostro, che è nei cieli vi perdoni le vostre colpe. 26 Ma se voi non perdonate, neppure il Padre vostro che è nei cieli perdonerà le vostre colpe.» Marco 11:25

Questo è da considerare con molta attenzione, solitamente se ho qualcosa contro qualcuno è perché ho subito un torto e non voglio donare il mio perdono come se potesse dare sollievo alla persona che me lo ha fatto.

Impegnatevi a cercare la pace con tutti e la santificazione senza la quale nessuno vedrà il Signore; 15 vigilando bene che nessuno resti privo della grazia di Dio; che nessuna radice velenosa venga fuori a darvi molestia e molti di voi ne siano contagiati; Ebrei 12:15

Se manca la disponibilità al perdono si stabiliscono dei muri di separazione e non ponti di collegamento

Un fratello mi raccontava che nella sua assemblea c’era un atmosfera che lo deprimeva, mi diceva ci sono gruppetti perché alcuni non si rivolgono più la parola, altri si evitano mantenendosi a distanza perché non si sono chiariti, altri si isolano sempre più perché hanno l’impressione che ci sia un complotto contro di loro e che ogni parola che dicono può essere giudicata, provando sentimenti di abbandono.

Questo porta le persone a accumulare rancori e frustrazioni interiori che si possono abbandonare con il perdono. Quello vero, quello che ci ha mostrato il nostro Dio.

Molte coppie soffrono dello stesso problema, litigano per ogni piccola cosa dicendosi parole offensive che provocano profonde ferite, alcuni si chiudono nel loro silenzio sempre più profondo, altri diventano altamente irritabili, e si finisce a discutere per mezzo di critiche e accuse reciproche.

Perdonando costruisco sempre un ponte con l’altra parte, un ponte sempre percorribile dall’altra persona.

Questo è il nostro esempio da seguire, Dio ci ha amato e ha gettato il suo ponte in Cristo Gesù.

Noi da cristiani dobbiamo sempre essere disposti ad edificare questo ponte non solo per dare la possibilità all’altro di riconciliarsi ma questo ponte serve a noi, per il nostro bene e la nostra salute.

Ci sono persone che non perdonano e che si portano dentro un peso che cresce e cresce fino ad esplodere in modo molto negativo, e magari la persona che dovrebbero perdonare vive serenamente inconsapevole del torto che ha fatto.

Quello che ha fatto il torto non sente senso di colpa e vive sereno, quello che deve perdonare fa crescere il rancore e l’amarezza a tal punto da vedere la realtà in modo completamente distorto.

Impegniamoci a trovare la pace con tutti, questo significa costruire ponti e non innalzare muri.

Il Signore ci perdonerà sempre se noi perdoniamo agli altri.

Facciamoci delle domande ,

ci sono persone che devo perdonare?

Ho fatto conoscere a queste persone le mie ferite cercando di costruire un ponte per la pace.

Ho usato le mie energie per sopportare gli altri che grazie a Dio sono diversi da me?

Sono stato benevolo e misericordioso, ricordando la benevolenza e la misericordia che Dio ha avuto verso di me?

Che Dio ci aiuti a perdonare e ad abbandonare i nostri sensi di colpa, e ci aiuti a cambiare dove siamo mancanti, un cristiano non dovrebbe mai dire sono fatto così, io offendo le persone e gli altri mi devono perdonare, un cristiano prega Dio per essere cambiato anche se il processo è lungo e difficoltoso Dio porterà a compimento l’opera sua in noi.